Flashback_sound 2017. in senso inverso

flashback_sound

Spazio al jazz

a cura di Mauro Battisti

“Il tema conduttore di Flashback 2017, richiama a un’impossibile e affascinante inversione del tempo: nascere vecchi e ringiovanire fino a morire bambini. Nella macro realtà dell’Universo, la freccia del tempo viaggia solo in una direzione, ma come c’insegna la fisica quantistica la trasgressione a questa legge è “normale” nel mondo dell’infinitamente piccolo. Una diversa lente di osservazione può dunque presentarci piani diversi e paralleli della stessa realtà fenomenica. Il linguaggio del Jazz, grazie alla sua natura estemporanea e trasformativa, offre all’ascoltatore un tipo di esperienza simile, perché può cogliere la possibilità di percorrere strade inverse rispetto alle musiche “scritte”, fissate nella linea stilistico-temporale convenzionale.

[nov02][1036]Seguendo questa ispirazione, nell’area lounge dello spazio espositivo, i visitatori potranno assistere a tre appuntamenti musicali di alta qualità, tre progetti ad hoc presentati da musicisti di grande rilievo appartenenti alla scena jazz oriented nazionale e internazionale.

Mentre dal 1° al 4 Novembre, nello spazio mostra, i ricercati paesaggi sonori di Land(e)scapes, progetto di Ivan Bert e Andrea Bozzetto, dialogheranno in modo estemporaneo e discreto con le opere esposte creando una texture timbrica di grande effetto e suggestione”

[nov01][750]

 

[nov03][1158]

 

[nov04][1203]

 

 

Annunci

Flashback_sound 2016. nuovo sincretismo

flashback_sound

FLASHBACK in ragione del proprio carattere di inclusività si propone quest’anno di indagare la tradizione e le evoluzioni della musica “popular”.
 Questo tipo di musica presenta delle caratteristiche fondamentali di relazione con l’evoluzione della cultura di un paese e vede le proprie origini nella preistoria. Caratteristiche sincretiche ne sono: la profonda relazione con la cultura nazionale, la loro funzione di aggregante sociale, le contaminazioni fra culture.

GIOVEDì 3 NOVEMBRE ORE 18.30 | H. 6.30 PM
DUO TRILLIUM
EDMONDO TEDESCO – FEDERICO MARCHESANO
Il duo presenta un repertorio che ha come  il filo conduttore il minimalismo americano. Dalla figura rivoluzionaria di Terry Riley a Roscoe Mitchell spingendosi ad incontrare i Sonic Youth.
The duo has a repertoire that has as main theme the American minimalism. From the revolutionary figure of Terry Riley and Roscoe Mitchell to the Sonic Youth.

14902862_1939127326314471_5434805139906504271_o

VENERDì 4 NOVEMBRE ORE 18.30 | H. 6.30 PM
MALARTAN
Donata Guerci, Umberto Cariota, Beppe Rigotto, Renato Morabito, Massimo Lajolo.
Musica irlandese e bretone | Irish and Breton Music

DOMENICA 6 NOVEMBRE ORE 12 | H. NOON
DUO FRANCESCA ODLING – DORA FILIPPONE
Il duo propone un excursus che parte dal barocco fino ad arrivare al primo novecento. Nell’esecuzione sono utilizzati flauti, chitarre, mandolini, tiorbe e liuti antichi e moderni.
The duo offers an excursion that starts from the Baroque up to the early twentieth century. In the performance they use flutes, guitars, mandolins, lutes theorbos both ancient and modern.

image

FLASHBACK 2016 | nuovo sincretismo


FLASHBACK 2016

l’arte è tutta contemporanea
IV edizione | Il nuovo sincretismo
3 – 6 novembre 2016 | Pala Alpitour | Torino

Il programma della IV edizione propone una riflessione sul NUOVO SINCRETISMO ovvero l’incontro fra culture ed epoche diverse, che genera mescolanze, interazioni e fusioni fra elementi culturali eterogenei che si verificano soprattutto in seguito a grandi migrazioni di popoli o a espansioni egemoniche. Essendo FLASHBACK una manifestazione che si relaziona con la contemporaneità non può non cogliere gli stimoli che l’attualità fornisce quotidianamente e dunque assume il sincretismo come parola-chiave per capire la trasformazione che sta avvenendo in quel processo di globalizzazione e localizzazione che coinvolge, sconvolge e travolge i tradizionali modi di produrre cultura, consumo, comunicazione. Così la cultura non è più vista come qualcosa di unitario, che compatta e lega tra loro individui, sessi, gruppi, classi, etnie: bensì è qualcosa di molto più plurale, decentrato, frammentato e anche conflittuale. Sincretismo dunque come progetto antropologico: ovvero come un mix di codici che ricombinando le differenze artistiche, sociali, etniche ne mostrano la vera ricchezza. La parola chiave di questa IV edizione di FLASHBACK e del suo ricco programma culturale è dunque NUOVO SINCRETIMO. Attraverso talk, mostre, videoproiezioni e performance musicali si svilupperà la riflessione sulla differenza e la contaminazione come risorsa ed arricchimento.

Flashback_sound 2015. energia sonora

Flashback_sound

energia sonora

un-conventional quartet
DHO NICOLA – Violino I
CATALE ENRICO – Violino II
CALVO ANDREA -Viola
VIGNOLA FEDERICO -Violoncello

W. A. Mozart | Quartetto n°4 in C k157 | 1772
W. A. Mozart | Quartetto in G k156 | 1772
Pachelbel | Canone | 1680
Giacomo Puccini | Crisantemi | 1890
J. S. Bach | Aria sulla quarta corda | 1718
P. Mascagni | Intermezzo Cavalleria Rusticana | 1890
W. A. Mozart | Eine Kleine, 1787
Benjamin Britten | Simple Symphony Op.4 | 1933
W. A. Mozart | Divertimenti | 1772
Vivaldi | Largo dalle quattro 1725 ante

IMG_8173

fffortissimo guitar quartet

ARTURO MARIOTTI, PAOLO BIANCHI, DANIELE LIGIOS E CRISTIANO ARATA
Jurg Kindle | Kalimba
Stepan Rak | Rumba
Andrew York | Lotus Eaters
Andrew York | Pacific Cost Highway
Maurizio Benedetti | Ale
image1 5

 

EDMONDO TEDESCO | Clarinetto Basso
FEDERICO MARCHESANO | Contrabbasso

Anthony Braxton | Composition 192
Anthony Braxton | Composition 367B
Anthony Braxton | Composition 367C
Le tre composizioni possono essere fuse insieme in un brano unico, e uno di questi fa da contenitore. In questo caso: Composition 192 (+367B + 367C)
Michael Nyman | brani vari
Ornette Coleman | Peace

musica5

Flashback_sound 2014. Un labirinto di suoni

Flashback_sound

ZIP COED LIVE
Spinto dalla passione intensa per i moderni paesaggi sonori della musica elettronica, ZIP COED presenta, in un crossover di generi, un viaggio sonoro metafisico.

img_1082

ACCORDI E DISACCORDI LIVE
Alessandro Di Virgilio (Guitar) | Dario Berlucchi (Guitar) | Isabella Rizzo (Double bass)
Italian Hot Swing

ENSEMBLE: QUARTETTO CLASSICO ZART. Due violini, una viola e un violoncello.
Quartetto composto da musicisti italiani dedicati all’esecuzione filologica del repertorio barocco suonato con strumenti dell’epoca. Un florilegio che attraversa il meglio della composizione barocca italiana e straniera per ritrovare la verve dello stile galante, il senso del divertimento e quel carattere tipicamente colloquiale della musica da camera.

Nicola Dho violino 1º
Lorenzo Di Leno violino 2º
Andrea Calvo viola
Vignola Federico Vignola violoncello

quartetto

Flashback_2015. energia: arte e vita

ENERGIA: ARTE E VITA

La manifestazione propone ogni giorno un ricco programma culturale che sviluppa ed approfondisce i temi della fiera e che vede la propria peculiarita’ nell’approccio trasversale dei temi affrontati; una visione che spazia nel tempo, che analizza i fenomeni nella loro evoluzione dall’antichita’ alla contemporaneita’.

Il programma 2015 di FLASHBACK si svolge sotto l’egida dell’energia libera quale fonte e spinta propulsiva.

In termodinamica, l’energia libera di un sistema e’ la quantita’ di lavoro che il sistema puo’ compiere sull’ambiente. Tale energia vive dunque in relazione all’ambiente. Mutuando il termine di origine scientifica e adattandolo alle numerose sfaccettature della realta’ artistica, il programma si sviluppa tenendo conto del binomio arte e vita. In un’analisi che, attraversando la storia dell’arte, sembra rendere imprescindibile il contesto sociale e economico entro il quale le correnti artistiche si sono sviluppate.

Il programma vuole in tal modo analizzare il ruolo e la figura dell’artista inserito nella societa’ dall’era paleolitica fino ai giorni nostri; che si parli di arte prodotta nella contemporaneita’ o nell’antichita’ l’interesse del programma si focalizza ancor di piu’ sulla necessita’ di cogliere il valore comunicativo e significante dell’Arte. L’Arte in tutte le sue forme va compresa muovendo dalla totalita’ sociale.

PROGRAMMA GENERALE

 

Flashback 2014. il labirinto

FLASHBACK | IL LABIRINTO

Ci si addentra nel labirinto per conoscere se stessi. Il disordine e’ quasi sempre casuale, l’ingresso coincide con l’uscita nella dialettica dell’eterno ritorno.

La manifestazione propone ogni giorno un ricco programma culturale che sviluppa ed approfondice i temi della fiera e che vede la propria peculiarita’ nell’approccio trasversale dei temi affrontati; una visione che spazia nel tempo, che analizza i fenomeni nella loro evoluzione dall’antichita’ alla contemporaneità.

PROGRAMMA

 

Flashback_sound 2013. adiastenia

Flashback_sound

Adiastenia, 2013

Installazione concertata, concepita su una struttura matematica responsabile della generazione, nel tempo, di partitura musicale e visiva.

Federico Dal Pozzo | Concept, Sound design
Fabio Franchino | Composizione algoritmica, display

 

L1150784

Flashback 2013. l’enigma del tempo

L’enigma del tempo
Fra fisica, filosofia e arte, indagando la concezione del tempo

Lo spazio dell’arte è quello della verticalità, lo sbaglio è la volontà di spostarsi orizzontalmente e ancor più il desiderio di imprimere un’accelerazione. GDD

FLASHBACK utilizza il passato per ricreare il presente, dimostrando che l’Arte sfugge alle logiche dell’obsolescenza programmata che, fissando dei limiti temporali, vuole decretare cosa è “di moda” e cosa non lo é, in modo da giustificare sempre e comunque l’entrata sul mercato della novità.
Lo scopo di questa manifestazione è di conseguenza quello di allontanare il concetto di antico da quello di “Passato” sottolineando che ogni opera d’arte è contemporanea, vivente: un corto circuito nelle certezze estetiche e iconografiche del pubblico.

FLASHBACK, come opera vivente, nasce dall’idea di costruire un ATLAS, una manifestazione che sia di “cultura visiva”.

Aby Warburg dedicò gli ultimi anni di vita a un sogno: Mnemosyne, un progetto, un arsenale nel quale le icone si contagiano a vicenda. Corpi e gesti transitano dalla classicità alla contemporaneità, cancellando ogni antitesi tra le epoche. Si infrangono gerarchie; si spezza la logica dello sviluppo cronologico lineare. Grazie a un montaggio “pre-cinematografico”, momenti del passato e del presente vengono tessuti insieme.