NOTTI DELLE ARTI CONTEMPORANEE / CONTEMPORARY ARTS NIGHT

NOTTI DELLE ARTI CONTEMPORANEE /  CONTEMPORARY ARTS NIGHT

TORINO
SABATO 5 NOVEMBRE
ORE 21 – 24 /
SATURDAY 5 NOVEMBER
9 PM – 12 AM

Apertura notturna straordinaria di gallerie, musei, fondazioni, istituzioni d’arte e spazi inconsueti di Torino /
Extraordinary night opening of galleries, museums, foundations and unusual spaces in the city

GALLERIE / GALLERIES
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

GALLERIA GIAMBLANCO
Via Giovanni Giolitti 39

GALLERIA ROCCATRE
Via della Rocca 3B
Incisi
Mario Surbone

LIBRERIA ANTIQUARIA IL CARTIGLIO
Via Po 32

GALLERIA DEL PONTE
Corso Moncalieri 3
Umberto Mastroianni
Una selezione di opere dello scultore Umberto Mastroianni

SCHREIBER COLLEZIONI
Via della Rocca 29
Terrecotte per l’Eternità

BIASUTTI & BIASUTTI
Via Bonafous 7/L
Oggetti e Immagini
Piero Livio

GALLERIA ZABERT
Piazza Cavour 10
Luce
Karoline Amaury

FLASHBACK_Artist curated talks

FLASHBACK_Artist Curated Talks

VENERDì 4 | SABATO 5 | DOMENICA 6 | novembre 2016 | ORE 17.00
@PALA ALPITOUR | TORINO

L’estetica senza etica è cosmetica” Ulay

Nel 2016, per la quarta edizione di FLASHBACK, si inaugura un nuovo progetto destinato a evolversi e ripetersi nel corso delle prossime edizioni: INCONTRI CURATI DA ARTISTI | ARTISTS CURATED TALKS.
Incontri, discussioni, confronti che coinvolgono forma e contenuto, sfera intellettuale, sensoriale ed estetica.

OGGETTO DI DISCUSSIONE è un progetto di incontri, di discussioni estetiche pensati dall’artista Giada Pucci per FLASHBACK_Talks. Con sedute informali, video e sonoro in diffusione Il progetto si pone come un tentativo di scardinare l’idea di conferenza tradizionale, lo spazio che accoglie l’incontro diviene luogo estetico, esperienziale; luogo quindi mentale, astratto visivamente, luogo intimo e di discussione dove il pensiero diventa elemento sonoro dell’esperienza

VENERDì 4 NOVEMBRE ORE 17

ARTE E RELIGIONE. Dall’arte antica a quella contemporanea.
Come la religione ha influenzato la ricerca artistica nel corso dei secoli sino alla contemporaneità. L’occidente e oriente a confronto.
Roberto Mastroianni (filosofo/critico d’arte), Maurizio Cilli (artista/architetto), Andrea Longhi (Storico dell’Architettura), Carola Benedetto (indologa)

SABATO 5 NOVEMBRE ORE 17

ARTE, ETICA E MORALE Il valore sociale dell’opera.
Dalle origini alla contemporaneità. Come cambia l’arte a seconda del periodo storico/politico? L’artista dovrebbe essere portatore di un’etica?

Roberto Mastroianni (filosofo/critico d’arte), Maurizio Cilli (artista/architetto), Andrea Ciommiento (regista e creatore scenico), Irene Pittatore (artista), Tea Taramino (artista), Giusi Venuti (filosofa).

DOMENICA 6 NOVEMBRE ORE 17

PENSIERO UMANISTICO E PENSIERO SCIENTIFICO. Può esistere una economia culturale capace di essere significativa per un paese?
Gli studi scelti dalle società contemporanee sono sempre più di educazione scientifica piuttosto che classica. La disponibilità di posti di lavoro premia maggiormente gli studenti usciti da studi scientifici piuttosto che quelli umanistici. Quali sono le conseguenze nella formazione d’individui che devono confrontarsi con una società complessa e multiculturale. Cittadini o semplici lavoratori?

Roberto Mastroianni (filosofo/critico d’arte), Maurizio Cilli (artista/architetto), Giovanni Leghissa (filosofo), Carlo Capello (antropologo), Dario Padovani (sociologo).

FLASHBACK_SOUNDS

FLASHBACK_Sounds

FLASHBACK in ragione del proprio carattere di inclusività si propone quest’anno di indagare la tradizione e le evoluzioni della musica “popular”.
 Questo tipo di musica presenta delle caratteristiche fondamentali di relazione con l’evoluzione della cultura di un paese e vede le proprie origini nella preistoria. Caratteristiche sincretiche ne sono: la profonda relazione con la cultura nazionale, la loro funzione di aggregante sociale, le contaminazioni fra culture.

GIOVEDì 3 NOVEMBRE ORE 18.30 | H. 6.30 PM
DUO TRILLIUM
EDMONDO TEDESCO – FEDERICO MARCHESANO
Il duo presenta un repertorio che ha come  il filo conduttore il minimalismo americano. Dalla figura rivoluzionaria di Terry Riley a Roscoe Mitchell spingendosi ad incontrare i Sonic Youth.
The duo has a repertoire that has as main theme the American minimalism. From the revolutionary figure of Terry Riley and Roscoe Mitchell to the Sonic Youth.

VENERDì 4 NOVEMBRE ORE 18.30 | H. 6.30 PM
MALARTAN
Donata Guerci, Umberto Cariota, Beppe Rigotto, Renato Morabito, Massimo Lajolo.
Musica irlandese e bretone | Irish and Breton Music

DOMENICA 6 NOVEMBRE ORE 12 | H. NOON
DUO FRANCESCA ODLING – DORA FILIPPONE
Il duo propone un excursus che parte dal barocco fino ad arrivare al primo novecento. Nell’esecuzione sono utilizzati flauti, chitarre, mandolini, tiorbe e liuti antichi e moderni.
The duo offers an excursion that starts from the Baroque up to the early twentieth century. In the performance they use flutes, guitars, mandolins, lutes theorbos both ancient and modern.

FLASHBACK_SPECIAL PROJECT AND EXHIBITION

FLASHBACK_Special Project and Exhibition

OPERA VIVA BARRIERA DI MILANO
un progetto di Alessandro Bulgini
a cura di Christian Caliandro
Zanbagh Lotfi • Andrea Mastrovito • Saul Melman • Aryan Ozmaei • Gian Maria Tosatti • Alessandro Bulgini

Uno spazio pubblicitario di tre metri per sei nella rotatoria di piazza Bottesini in Barriera di Milano a Torino, vicino al mercato rionale e storico di piazza Foroni, ha ospitato per sei mesi (da giugno a novembre 2016) sei artisti nazionali e internazionali appartenenti alle ultime generazioni che con totale libertà di scelta riguardo a forme, contenuti, linguaggi hanno interagito con questo rettangolo e con il suo contesto di riferimento. Il progetto Opera Viva in Barriera di Milano ha così costruito – con opere diverse mese per mese – una dimensione altra, diversa rispetto a quella della quotidianità riunendo tutte queste dimensioni in una visione coerente e in un dialogo attivo con il quartiere. Nella convinzione profonda che le nostre città abbiano bisogno di spazi mentali più che di luoghi fisici da destinare all’arte e alla cultura; e che siano innanzitutto infrastrutture di relazioni umane, molto spesso sommerse e invisibili, da curare e sviluppare. L’opera viva è infatti la parte sotto il pelo dell’acqua sommersa ma necessaria al galleggiamento perché “col proprio volume genera attivamente e continuamente spinte verso l’alto in proporzione all’acqua che sposta galleggiando e navigando.”

Dopo aver interagito per 6 mesi con la città le opere accolgono il visitatore a FLASHBACK dal 3 al 6 novembre. 12 manifesti in pvc di 4x2mt scandiscono il percorso del visitatore lungo i corridoi esterni fino all’ingresso della manifestazione e, in formato A3, all’interno, a disposizione di tutti per entrare a far parte gratuitamente della propria personale collezione.